I gatti arrivano al rifugio per ragioni più disparate… 


Può succedere che li portino di persona i padroni, che sfortunatamente non riescono più ad occuparsene, in quel caso spesso lasciano anche il libretto o qualche informazione sullo stato di salute, gli anni e abitudini particolari. È sempre doloroso per tutti, soprattutto per i mici che devono lasciare la famiglia. Anche se riceviamo informazioni, al nuovo arrivato spetta un giro dal veterinario, è sempre meglio fare un controllo!
Spesso purtroppo capita anche di trovarli direttamente al rifugio, magari abbandonati dentro a scatole di cartone o sacchetti di plastica… quando basterebbe chiamarci per chiedere aiuto, evitando azioni sconsiderate che mettono anche in serio pericolo la stessa incolumità del gatto.

Comunque in queste circostanze le prime cose da fare sono: spostare il micio in una gabbia apposita, più tranquilla e separata dagli altri gatti, e portarlo dal veterinario appena possibile per una visita approfondita! Se ha patologie particolari, riceverà cibo specifico, cure ad hoc e per qualche tempo, in base alla patologia, resterà separato dagli altri gatti. 

Capita anche di essere chiamati per prestare soccorso a gatti in zone per loro pericolose. In questo caso il nostro intervento prevede anche una valutazione del pericolo. È importante sapere se il gatto in questione sia maschio o femmina: se ha partorito da poco, possono esserci anche i suoi cuccioli nei paraggi e dovranno essere salvati anche loro! 

Tutti i gatti del rifugio vengono visitati dal veterinario per un’attenta valutazione e le vaccinazioni necessarie.  Riteniamo inoltre che la sterilizzazione sia necessaria per limitare il randagismo, per questo tutti i gatti del rifugio sono sterilizzati e microchippati.  

Ci stiamo inoltre impegnando nella sterilizzazione di tutte le colonie a noi collegate.

La sterilizzazione dei gatti è di estrema importanza perché: 

  • Nelle femmine riduce le condizioni di stress e malessere relative al periodo in cui entrano in calore, elimina il rischio di tumore uterino e riduce le probabilità di contrarre tumori alle mammelle
  • Nei maschi, li rende meno litigiosi e aggressivi, riducendo quindi la probabilità di essere feriti gravemente a causa di combattimenti con altri gatti, oltre a prevenire  il tumore ai testicoli
  • Limita le fughe da casa, che spesso non hanno ritorno
  • Riduce il contagio di malattie quali Fiv (Immunodeficienza felina) / FeLV (leucemia felina)/ Fip (peritonite infettiva felina), tutte malattie NON trasmissibili all’essere umano.

Non è vero che le femmine debbano figliare almeno una volta, anzi si consiglia la sterilizzazione prima del calore. La sterilizzazione riduce di molto il randagismo e l’abbandono, oltre a tutelare la salute dei micioni.

La consideriamo quindi un atto di civiltà e di amore verso i tutti i pelosetti!